CF 96094340229 
Dona il tuo 5x1000 ad AsTRID Onlus e ci aiuterai ad aiutare!

 

 IBAN: IT  29  D  08304  01819  000021349458 – Cassa Rurale di Trento

 AsTRID Onlus - © 2014

AsTRID Onlus

via Padre Eusebio Chini, 9 - 38123 Trento

 

Tel: +39 388 8317542

info@astrid-tn.it - astrid@pec-mail.it

 

  • Wix Facebook page
  • Google + App icona
visitatore n.

Non Mollare Mai

Ogni giorno è una battaglia, ogni sera una conquista

 

di Maria Carla Bonetta

 

Mi sono chiesta molte volte se la mia testimonianza potesse essere d’aiuto a qualcuno, se il mio percorso potesse dare la forza per reagire a chi crede di non averne più e allora eccomi qui, decidete voi!

Amo questa Vita

...nonostante tutto!

 

di Andrea Facchinelli

 

Quando credi di essere in cima alla vetta, per un banale incidente ti trovi alla base e come un neonato devi re-imparare a vivere per risalire nuovamente. Fino al 24 maggio 2008 la mia vita era frenetica: sveglia al mattino presto, preparavo i bambini di 3 e 7 anni e poi via.

Il mio Volontariato

Donare il proprio tempo è il modo migliore per arricchirsi!

 

di PierAngelo Beltrami

 

Negli anni dell’adolescenza, si cresce aprendo gli occhi a un mondo tutto nuovo che, per la maggior parte di noi cresciuti in Trentino, era un’esperienza da ricordare e celebrare.

Stromboli

Con la SAT di Civezzano e la Jöelette, non ci sono limiti!

 

di Andrea Facchinelli

 

Eccomi a raccontarvi questa bellissima avventura iniziata quando Giorgio Facchinelli, della SAT di Civezzano, che considero grande amico e conosco fin dai tempi in cui correvo lungo i ripidi pendii delle montagne italiane, lo scorso autunno mi chiese se volevo essere portato con la Jöelette in cima al vulcano Stromboli.

(S)Punti di Vi(s)ta

Esistono disabilità invisibili e disabilità percepite; esistono dolori e consapevolezze che potranno solo renderci migliori. Testimonianze di fragilità trasformate in resilienza, in forza per il domani

La verità è contaminata

Malattie da inquinamento ambientale: vivere con la MCS

 

di Paola G.

 

Un giorno, ad un luminare della medicina venne chiesto quale fosse la più grave malattia del secolo. I present i si aspettavano che dicesse il cancro o l’infarto. Grande fu lo stupore generale quando lo scienziato rispose: “L’indifferenza!” Tutti allora si guardarono negli occhi e ognuno si accorse di essere gravemente ammalato. Infine gli domandarono quale ne fosse la cura. E lo scienziato rispose: “Accorgersene!”

Ciò che vuoi, è ciò che puoi!

Intervista a Maria Carla Bonetta

 

di Veronica Loperfido

 

La vita è, per definizione, una continua conquista.

Provare, sbagliare, recuperare, per tentare strade nuove in ogni passaggio, in cui vengono richieste competenze vitali ben allenate. Ci sono persone che, più e/o prima di altre, l’hanno capito per scegliere di vivere ogni giorno. Le risorse cui attingono possono diventare un grande insegnamento per tutti noi.

Sledge hockey, sport senza limiti

di Gianluigi Rosa

 

In un sabato pomeriggio d’agosto di dieci anni fa, rientrando da un giro in moto con gli amici sulla strada che porta da Fai della Paganella a Mezzolombardo, il freno anteriore della mia moto iniziò a frenare sempre meno tanto che, in una curva, uscii di strada. 

orgogliosaMente imPerfetta

di Lara Sembinelli

 

L’11 aprile 2015 ho rischiato di morire in uno spaventoso incidente stradale in tangenziale. Esattamente un anno dopo ho ripreso la mia quotidianità. Ho iniziato il lavoro, posso di nuovo guidare… è tutto quasi come prima. Quasi, perché un anno fa ho dovuto fare i conti con una diagnosi brutale: Tetraparesi. Se oggi sono ancora qui, devo dire grazie alla tempestività dei soccorsi e alla bravura dei medici che mi hanno permesso di limitare le conseguenze!

La vita, questa meraviglia incasinata

La disabilità invisibile, vissuta senza sconti

di Maria Carla Bonetta

 

Tutto è iniziato quando avevo circa 3 anni. Una banale svista dei miei genitori e l’incoscienza di una persona adulta hanno portato la golosità di una bimba a far sì che iniziasse una vita di malattia. Quel giorno, un rappresentante in visita da mio padre, mi diede un sacchetto di caramelle scadute ed io, bimba golosa, pensai bene di mangiarle tutte. 

La forza di sorridere

Alessia Giordani si racconta

di Lorella Molteni

 

Vivere con una malattia cronica significa spesso intraprendere un viaggio lungo e solitario: lungo, perché la ricerca di una diagnosi che giustifichi quello che sta accadendo al proprio corpo può arrivare dopo molti anni; solitario, perché ci si imbatte quotidianamente nell’incomprensione e nella mancanza di sensibilità delle persone che ci stanno accanto, soprattutto in tutti quei casi in cui il dolore e la malattia non mostrano segni visibili.